Logo Metal D.R
cerca nel sito

Abitare nello stile e nel comfort

Design raffinato per la Vostra casa

Risparmio con l'isolamento termico

La casa diventa più accogliente

Molteplici forme come l'architettura

Colori: dal sobrio all'insolito

Protezione contro i tentativi di scasso

Isolamento acustico per ogni esigenza

Durata e valore nel tempo

L'esperienza come garanzia di qualità




FotogalleryMateriale utilizzato per gli infissiLegno → Legno listellare rivestito rovere

Caricamento in corso...

Loading
  • Legno listellare rivestito rovere color ciliegio
  • Legno listellare rivestito rovere color miele
  • Legno listellare rivestito rovere color naturale
  • Legno listellare rivestito rovere color noce scuro
  • Legno listellare rivestito rovere color noce

Il Listellare si trova in commercio in fogli con spessori che variano da cm 1,9 a cm 3,2 circa. Questo materiale è composto nel suo interno da tutti listelli in legno di abete o pino, ricoperti da una impiallacciatura di legno pregiato come per esempio Rovere, Pino, Okoumè, Mogano, Douglas, Castagno o altre essenze. Si usa maggiormente per la costruzione di armadi guardaroba, mobili, cucine ecc.


Serramenti in legno

Sezione di un infisso in legno

Sezione di un infisso in legno

Il legno utilizzato per gli infissi dev'essere di prima scelta, ovvero senza nodi e con fibratura regolare. Le essenze maggiormente utilizzate sono, in base alle esigenze da soddisfare ed in relazione al budget a disposizione: pioppo, pino, castagno, abete, larice, rivere, faggio, pino, mogano, douglas, noce e palissandro.
Se i legni utilizzati non sono ben stagionati, o se gli spessori dei telai sono insufficienti, gli infissi possono presentare il fenomeno dell'imbarcamento, per cui la chiusura risulta difficoltosa ed imperfetta. Per arginare tale problema, è necessario predisporre almeno 3 cerniere per ciascun infisso (eventualmente aggiungendone altre in relazione all'altezza), oltre agli appositi "paletti" per bloccare le ante secondarie o semifisse.
Il telaio delle finestre è sottoposto durante la lavorazione a un processo di essiccazione, contro l'umidità e a un trattamento con resine impermeabili ai raggi del sole, che consente di stabilizzare il grado di umidità interna. Il legno è un ottimo isolante termico e acustico, è un materiale esteticamente sempre apprezzabile, ma proprio per questo costoso. Con le lavorazioni moderne a cui viene sottoposto il legno, si possono ottenere finestre resistenti ai raggi ultravioletti e alle intemperie, oltre che a parassiti e batteri. Per proteggere al massimo la struttura in legno, questa viene trattata con vernici alla fine della lavorazione; per evitare di nascondere la bellezza naturale del materiale, motivo principale della scelta del legno, si scelgono vernici trasparenti.
A seconda dell'essenza scelta, i telai in legno possono essere in massello o in lamellare. Quest'ultimo è un materiale composto da strati di sottili tavole di legno, che costituiscono le lamelle appunto, spesso 50 mm circa. Tali lamelle sono legate tra loro da collanti e permettono di costituire una struttura in grado di resistere a sollecitazioni meccaniche di vario genere.
Se gli infissi di legno sono eseguiti a regola d'arte, non danno luogo ad inconvenienti, a patto di averne un'accurata manutenzione annuale o biennale. Per effetto dei naturali movimenti di assestamento del materiale infatti, soprattutto nei primi anni, il sistema di aggancio dell'anta al telaio può allentarsi e va quindi aggiustato registrando le cerniere e lubrificando la ferramenta. Inoltre, gli infissi vanno riverniciati ogni 4 o 5 anni, o anche più spesso se sono molto esposti al sole. La pulizia và eseguita utilizzando detergenti neutri, poiché acidi e abrasivi possono rovinare il legno.
I serramenti in legno hanno numerosi punti di forza.
Il serramento è realizzato con legno lamellare, cioè viene realizzato con 3 strati di legno incollato a fibre contrapposte per mantenere saldo il serramento. Possono essere realizzati in numerose essenze; la loro verniciatura avviene all'acqua,la quale garantisce un'ottima durabilità e mantenimento del prodotto.



Che differenza c'è tra legno lamellare e legno listellare?

Tabella 3 della norma EN 386

Tabella 3 della norma EN 386

Il legno lamellare è un prodotto ad uso strutturale regolato da specifiche normative europea (EN 385, EN 386, EN 387) e da una norme europea "di prodotto" (EN 14080). Si veda per maggiori informazioni anche la scheda tecnica riprodotta nel sito www.dataholz.it.

La sezione di lamellare viene composta a partire da "lamelle", cioè segati che non devono superare alcune dimensioni trasversali (si veda la tabella 3 della norma EN 386 riprodotta a lato). Solitamente i segati con spessore inferiore ai 40-45 mm si distinguono in lamella o listello in funzione della larghezza di base (si veda figura sotto).

segati

Definizione dei segati per dimensione


Il legno lamellare è quindi un prodotto ad uso strutturale, mentre con pannelli listellari si intendono solitamente prodotti incollati realizzati con listelli di larghezza inferiore a 80 mm ed con un utilizzo piuttosto da falegnameria che strutturale.

Lavorazione del legno

Il legno può essere lavorato in un'infinità di modi. Le procedure che di seguito descriviamo, si riferiscono alle più comuni lavorazioni industriali del legno, che danno tipicamente luogo alle "listellature", "pannellature", ecc... utilizzate in edilizia e, specialmente, nell'arredamento.
Nella fattispecie, abbiamo: il lamellare, il listellare, il compensato, il multistrato, il truciolato, il nobilitato, l'MDF, il tamburato

legno lamellare

Il lamellare come dice la parola stessa è formato da tre "tavole" della stessa essenza di legno incollate fra loro, con macchine e colle particolarmente forti, in maniera che formino un montante, dello spessore che varia da cm 4,4 a cm 6,4. E' un materiale che garantisce il montante completamente pulito da nodi o imperfezioni, garantisce una perfetta linearità del pezzo, difficilmente si piega.
Questo materiale si usa maggiormente per realizzare infissi, porte interne ecc.

legno listellare

Il Listellare si trova in commercio in fogli con spessori che variano da cm 1,9 a cm 3,2 circa. Questo materiale è composto nel suo interno da tutti listelli in legno di abete o pino, ricoperti da una impiallacciatura di legno pregiato come per esempio Castagno, Rovere o altre essenze. Si usa maggiormente per la costruzione di armadi guardaroba, mobili, cucine ecc.
Questo materiale si può trovare anche impiallacciato con "mdf", una fibra composta, ottima per fare mobili laccati bianchi o colorati.

legno compensato

Il compensato è un pannello a base di legno, composto da un insieme di sfogliati, solitamente dispari, disposti con fibre perpendicolari tra loro e resi solidali mediante incollaggio con resine sintetiche termoindurenti e pressatura a caldo.
Il procedimento per ottenere pannelli di legno compensato consiste infatti nello "sfogliare" il tronco d'albero con un apposito tornio in grado di tagliare uno strato molto sottile di legno (1-3 mm), incollando poi i fogli fra loro in modo da "incrociare le venature".
Questo incrocio fa sì che la resistenza del materiale sia uniforme in tutte le direzioni, perché la resistenza del legno lungo le venature non si manifesta ugualmente in tutte le direzioni.
L'incrocio delle venature fa sì che le caratteristiche meccaniche del legno, tipicamente unidirezionali, vengano "compensate" in una direzione ortogonale, da cui il nome. In genere sono costituiti da tre strati per uno spessore totale di soli 3 mm e per questo il compensato è utilizzato per fondi, schienali ed elementi curvati. Quando gli strati sono più di tre, i pannelli vengono chiamati multistrati.

legno multistrato

Il multistrato si trova in fogli di circa cm 252 x 125, e non è altro che un certo numero di compensati, pressati tra loro in fabbrica, con colle a caldo, che formano degli spessori, che variano da cm 0,8 fino a cm 3. Normalmente il multistrato si trova con l'essenza di Pioppo, non si trova con essenze di legni più pregiati, in quanto quelle sono presenti nel listellare.

legno truciolato

Truciolato o truciolare è il nome con cui comunemente vengono indicati i pannelli in fibra di legno composti di trucioli risultanti dallo scarto delle normali lavorazioni del legno.
I trucioli vengono impastati con materiali leganti e quindi pressati a produrre i pannelli; i pannelli ottenuti possono essere di diversi tipi a seconda del tipo di truciolo. Alle colle possono inoltre essere addizionati agenti idrofobizzanti, fungicidi, etc...
Con lo stesso nome si può indicare anche il materiale legnoso di base, cioè l'agglomerato di trucioli impiegato per produrre tali pannelli.
Il truciolato non tollera l'umidità e quando si bagna la sua struttura si gonfia facendo sbollare anche il rivestimento sovrastante.
Il truciolato può venire anche impiallacciato in modo da offrire un aspetto simile a quello del legno massello mentre i bordi possono essere rivestiti con bordini termoadesivi.
L'impiallacciatura è un'operazione che viene eseguita in falegnameria e consiste nel ricoprire un legname non pregiato od un pannello con un sottilissimo tranciato di legno detto piallaccio. Nel caso del legno, ne viene usato uno pregiato, lungo la vena o controvena o nella radica dell'albero, (radica di thuya, pioppo, noce, ulivo, vene di noce, mogano, palissandro, ciliegio, ulivo, e varie tipologie di legni esotici provenienti dall'Africa e dall'America Latina) in modo da dare al prodotto la sembianza di una essenza di grande qualità.
L'unica difficoltà che presenta il truciolare è la scarsa attitudine a trattenere le viti in quanto si sbriciola facilmente nelle zone immediatamente a contatto con la filettatura della vite. Per questo motivo bisogna usare particolari viti, dette appunto "per truciolare", simili a quelle autofilettanti per il ferro.

legno nobilitato

Il Nobilitato, o Pannello melamminico, è un pannello di legno truciolare rivestito su di un lato, o su tutti e due i lati, con carta melamminica, che è un materiale sintetico costituito da fogli di carta sottilissima (attorno al decimo di mm) impregnata di resina melamminica.
L'uso di tale carta fa sì che il pannello nobilitato venga spesso anche chiamato pannello melamminico (o melaminico) Il pannello può essere costituito oltre che di truciolare (anche da legni riciclati), anche da faesite, da compensato, da legno stampato, OSB o da MDF.
è considerato un prodotto piuttosto economico tuttavia lo sviluppo di carte sempre più realistiche unito a doti notevoli di durezza e resistenza al graffio ed ai solventi della superficie rende questo prodotto usatissimo nel mondo dell'arredamento.

legno mdf

Il MDF (Medium density fiberboard, pannello di fibra a media densità) è un derivato del legno: è il più famoso e diffuso della famiglia dei pannelli di fibra comprendenti tre categorie distinte in base al processo impiegato e alla densità: bassa (LDF), media (MDF) e alta (HDF).
Lo spessore varia da 3 a 50 mm. La materia prima utilizzata comprende molti tipi di legno, siano essi tondame, scarto o cascame di lavorazione, preferibilmente di Conifera.
Partendo dal tondame, esso viene di solito prima scortecciato, poi cippato, con l'ausilio di sminuzzatrici o frammentatrici, e poi selezionato e controllato per eliminare eventuali tracce estranee ed eventuali pezzi troppo grandi mal sminuzzati. In alcuni casi il tondame viene cippato in bosco senza essere scortecciato, anche se una eccessiva percentuale di corteccia tende a peggiorare le caratteristiche dei pannelli.
La raffinazione per trasformare i frammenti di legno in fibra, viene eseguita attraverso la macinazione per rompere i legami esistenti e formare una pasta di fibre, facilitata da immersione in acqua, l'ausilio di vapore e calore o con trattamenti chimici a base di sostanze alcaline che indeboliscono i legami della lignina, e può avvenire attraverso due diversi procedimenti: per via secca, e per via umida.

legno tamburato

Il Tamburato è un materiale composto da un telaio realizzato in legno di Abete o Pioppo, che, al suo interno viene messo in fase di "pressaggio", un materiale chiamato "nido d'ape". (Si tratta di un cartone bucherellato, come un nido di ape, dello spessore del telaio che abbiamo realizzato, che può variare da cm 1,2 fino a cm 3,3 con tantissimi spessori intermedi).
Sopra e sotto a questo telaio, che contiene il nido d'ape, viene pressato, due fogli di compensato dell'essenza di legno con cui vogliamo realizzare l'opera. Il tamburato è molto usato nella costruzione di porte liscie, ha un peso contenuto ed una buona resistenza agli urti, conferita da questo cartone bucherellato all'interno.
Qualche anno fa era molto più usato anche per la realizzazione dei mobili, ora sostituito dal listellare, un pò più costoso, ma molto più veloce nella realizzazione.

Trattamenti del legno per conferire un aspetto naturale o antico

rusticatura

Rusticatura: per ottenere un legno grezzo con profonde venature

Anticatura

Anticatura: per evidenziare la venatura del legno

spazzolatura

Spazzolatura: pulitura del legno con ottenimento di venature grezze poco profonde

Sito compatibile con: Internet Explorer 10, Google Chrome 25.0, Mozilla 19.0, Safari 5.1, Opera 12.14